BLACK FRIDAY: offerte imperdibili su tutti i corsi fino al 30 Novembre

5 tipi di inquadrature per una migliore fotografia di food

Se ami la fotografia di food, questo articolo che tratta le varie tipologie di inquadrature, ti aiuterà a esaltare i tuoi piatti.

Se ti stai chiedendo perché le tue foto di cibo non risultano abbastanza accattivanti, potresti utilizzare delle inquadrature che non valorizzano il prodotto che stai fotografando! 

Vediamo quali sono i punti di ripresa migliori e quali sono quelli giusti da adottare in base al tipo di piatto che stai fotografando e al messaggio che vuoi comunicare.

1. Ripresa dall'alto

Questo è uno dei punti di ripresa utilizzato per ottenere delle immagini dal look geometrico ed eleganti. Sdoganata in gran parte da Instagram, perché con uno smartphone è molto comodo creare una compozione dall'alto che sia accattivante, questo tipo di inquadratura è perfetta per valorizzare qualsiasi tipo di prodotti, in termini estetici, ma puó non essere la giusta scelta per tutti tipi di prodotto. 

In fotografia professionale questo tipo di ripresa è utilizzata per raccontare piatti di grande livello e costosi, perché la composiozione minimale, conferisce eleganza e comunica lusso, oltre che a mostrare tutti i possibili inflgredineti nel piatto. 

In termini tecnico/pratico, la cosa più importante da fare per utilizzare questa prospettiva, è assicurarsi di posizionare la fotocamera esattamente sopra il piatto, a 90 gradi rispetto al tavolo. Per fare questo, di solito in fotografia professionale si usa lo stativo colonna, ma anche un braccio aggiuntivo per il treppiede puó funzionare bene, perché aiutano a mettere la macchina fotografia in posizione corretta, evitando inquadrature non centrate o storte. 

2. Ripresa laterale

Quest'angolazione prevede il posizionamento della fotocamera laterale e parallela al soggetto. Ti consigliamo di utilizzare questo angolo per i piatti che si sviluppano in verticale, che hanno una determinata altezza o dei quali vuoi evidenziarne gli strati: pensa a hamburger succosi o belle torte a strati, questa inquadratura potrebbe essere un'ottima idea per vaolrizzarli! 

Il problema più grande che si puó riscontrare  quando si utilizza questo angolo è quello di inclinare la fotocamera verso il cibo, sfociano così in una pseudo ripresa a 3/4. Ricontrolla sempre che la tua fotocamera sia completamente dritta quando scatti la fotografia, in quanto ciò renderà l'immagine più sorprendente.

Un altro motivo per cui alcune foto scattate lateralmente non hanno un bell'aspetto è che lo sfondo. Perchè se pieno di elementi di disturbo, rovinerà l'immagine. 

Per ovviare a ció, hai due possibilità:

  • Controllare lo sfondo;
  • Utilizzare una profondità di campo ristretta.

La prima opzione può essere possibile solo se hai possibilità di controllare lo sfondo e quindi intervenire ed eliminare tutti gli elementi di disturbo.

Se invece non hai possibilità di controllarlo, puoi decidere di utilizzare un'apertura del diaframma più aperta in modo da sfocare lo sfondo e creare una composizione più pulita ed elegante. 

3. L'angolo di 3/4

Meglio descritto come PoDV (Point of Diner View), punto di vista del commensale. In altre parole, è quello che vediamo quando siamo seduti a un tavolo e guardiamo il piatto. Nella pratica si tratta di una prospettiva del piatto di circa 45 gradi. Questo tipo di angolo è ottimale quando si devono catturare sia la verticalità del piatto o la sua parte superiore, che i suoi lati.

È particolarmente adatto sia per fotografie food che immagini beverage. 

Sperimenta con un angolo inferiore o superiore a 45 gradi per una sensazione leggermente diversa. Le tre immagini sotto mostrano cosa succede alla foto con diverse angolazioni da circa 30 a 60 gradi.

foto by Nedo Baglioni, docente del video corso di comunicazione nell'industria della food photography

Inoltre, può anche essere ottimo per scattare foto di grandi tavoli in cui ci sono molti cibi, come ad esempio buffet. Prova ad aggiungere empatia quando sfrutti questo tipo di inquadratura provando ad includere le mani delle persone|chef|cuochi per contestualizzare e umanizzare, questo aiuterà a dare un po' di narrativa alla tua fotografia.

 

4. Angolo dal basso

Per ottenere una foto dal basso, posiziona la tua fotocamera più vicino al fondo del piatto. Mentre prima abbiamo parlato di posizionare la fotocamera più alta rispetto al piatto, ora condivido con te questa alternativa che prevede un piatto "statuario". Questo tipo di inquadratura è ottima quando si vuole valorizzare piatti che tendenzialmente hanno uno sviluppo verticale.

La ripresa dal basso ha la caratteristica di rendere tutto iconico e predominante, questo farà sembrare il cibo più grande e più alto, specialmente se ripreso da vicino. Con un obiettivo macro puoi enfatizzare ancora di più la resa, perché potrai avvicinarti con più facilità al soggetto senza rischiare di sfocarlo. Puoi utilizzare questo punto di vista a tuo vantaggio per esagerare l'altezza di tutto quello che stai stai fotografando.

Assicurati di non chiudere troppo il diaframma per mantenere una profondità di campo tale da mantenere lo sfondo sfocato, ciò ti aiuterà a staccare l'oggetto fotografato e creerà profondità nell'immagine.

Nota bene, la profondità di campo varia a seconda della tipologia di obiettivo, per cui non esiste un numero generico da impostare, considera che le ottiche macro hanno una profondità di campo davvero minima, questione di millimetri, per cui spesso vengono utilizzati diaframma più chiusi per ottenere più leggibilità nell'oggetto che stiamo fotografando. Anche ottiche non macro hanno le loro differenze, ad esempio un grandangolo ha una profondità più ampia rispetto a un teleobiettivo e per questo le impostazioni del diaframma saranno diverse sulla base del risultato che stiamo cercando.

5. Angolo olandese

Close

50% Complete

Rimani aggiornato!

Iscriviti alla nostra newsletter per seguire la nostra formazione gratuita, le novità sui corsi che stiamo lanciando, aggiornamenti e curiosità dall'industria della fotografia.